Mattarella ed il discorso di fine anno 2023

di Daniele Pace 84 views0

Spread the love

Care concittadine e cari concittadini questa sera ci stiamo preparando a festeggiare l’arrivo del nuovo anno nella consueta speranza che si aprano giorni positivi e rassicuranti. Naturalmente non possiamo distogliere il pensiero da quanto viene intorno a noi nella nostra Italia nel mondo. Sappiamo di trovarci in una stagione che presenta tanti motivi di allarme e insieme nuove opportunità, avvertiamo angoscia per la violenza a cui sovente assistiamo tra gli stati nella società, nelle strade, nelle scene di vita quotidiana, la violenza. Anzitutto la violenza delle guerre di quelle in corso e di quelle evocate e minacciate, le devastazioni che vediamo nell’Ucraina invasa della Russia per sottometterla e annettere l’orribile ferocia terroristica del 7 ottobre scorso di Hamas contro centinaia di inermi bambini donne uomini anziani di Gaza. Ignobile oltre ogni termine nella sua disumanità la reazione del governo israeliano con una azione militare che provoca anche migliaia di vittime civili e costringe a Gaza moltitudini di persone ad abbandonare le proprie case respinti da tutti. La guerra, ogni guerra, genera odio e l’odio durerà moltiplicato per molto tempo dopo la fine dei conflitti. La guerra è frutto del rifiuto di riconoscersi tra persone e popoli come uguali dotati di pari dignità per affermare invece con il pretesto del proprio interesse Nazionale, un principio di diseguaglianza e si pretende di asservire di fruttare si cerca di  giustificare questi comportamenti perché sempre avvenuti nella storia rifiutando il progresso della civiltà umana. Il rischio concreto è di abituarsi a questo orrore alle morti di Civili donne bambini come sempre più spesso accade nelle guerre, alla tragica contabilità dei soldati uccisi reciprocamente presentata menando.Vite spezzate, famiglie distrutte, una generazione perduta e tutto questo accade vicino a noi nel cuore dell’Europa sulle rive del Mediterraneo. Macerie non solo fisiche che pesano sul nostro presente e graveranno sul futuro delle nuove generazioni di fronte alle quali si presentano oggi e nel loro possibile avvenire brutalità che pensavamo ormai scomparse oltre che condannate dalla storia. La guerra non nasce da sola, non basterebbe neppure la spinta di tante armi che ne sono lo strumento di morte così diffuse sempre più letali, fonte di enormi guadagni; nasce da quel che c’è nell’animo degli uomini dalla mentalità che si coltiva dagli atteggiamenti di violenza di sopraffazione che si manifestano è indispensabile fare spazio alla cultura della Pace alla mentalità della Pace parlare di pace oggi non è astratto buonismo al contrario è il più urgente e concreto esercizio di realismo. Se si vuol cercare una via d’uscita a una crisi che può essere devastante per il futuro dell’umanità sappiamo che per porre fine alle Guerre in corso non basta invocare la pace, occorre che venga perseguita dalla volontà dei governi anzitutto di quelli che hanno scatenato i conflitti ma impegnarsi per la pace, significa considerare queste guerre una eccezione da rimuovere e non la regola per il prossimo futuro volere la pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>