Berlusconi al G20: ”Chiederemo la fiducia”

di Mariella Commenta

Silvio Berlusconi ai partner europei del G20 secondo fonti del governo italiano: ”Con l’apposizione della fiducia fra 10-15 giorni tutte le misure contenute nel dl stabilità e nel maxiemendamento saranno determinate e definite. Fiducia sulla legge di stabilità e sul maxiemendamento, che arriverà entro martedì o al più tardi mercoledì in Senato in modo da ottenere un percorso definito a Palazzo Madama entro 10-15 giorni. In questo modo l’Italia rispetta i suoi impegni e contribuisce al comune progetto di gestione della crisi finanziaria”.

Berlusconi ha annunciato ai partner europei del G20 la ferma determinazione del governo ad aprire una trattativa sulla riforma del mercato del lavoro con i sindacati. Dismissioni, liberalizzazioni, pensioni, abolizione delle tariffe fisse e deregulation per le imprese. Sono alcune delle misure contenute nel maxi-emendamento alla legge di stabilità che Silvio Berlusconi ha illustrato ai partner europei del G20 cui ha assicurato il raggiungimento del pareggio di bilancio per l’Italia nel 2013.
Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: ”I prossimi sviluppi dell’attività parlamentare mi consentiranno di valutare concretamente la effettiva evoluzione del quadro politico-istituzionale. In Parlamento sono tutti liberi di agire assumendosi le responsabilità di fronte all’Italia e all’Unione europea. Credo di poter dire ai nostri partner europei, agli osservatori internazionali, e al mondo degli investitori finanziari, che le forze politiche fondamentali, sia di maggioranza sia di opposizione, sono consapevoli della portata dei problemi che l’Italia deve affrontare con urgenza e attraverso sforzi coerenti e costanti nel tempo. Gli obiettivi sono seriamente riconosciuti come impegnativi dal più ampio arco delle parti politiche e sociali. Sono certo che tutte le formazioni politiche siano consapevoli della situazione della crisi economiche e che gli obiettivi del risanamento siano prioritari per il Paese.
Il segretario del Pdl Angelino Alfano ha incontrato il Capo dello Stato insieme ai capigruppo Gasparri e Cicchitto. Durante l’incontro si è così espresso: “In questa legislatura c’è solo questo governo, non possono esserci governi che nascono da giochini di Palazzo. O avanti fino al 2013 o chiederemo il voto. Vogliamo andare avanti fino al 2013 con questo governo presieduto da Silvio Berlusconi. Abbiamo i numeri per poter reggere questa nostra ambizione e un programma concordato nella lettera all’Ue. Quali sarebbero le buone cose che farebbe un ipotetico governo del ribaltone? Esaminiamo e facciamole insieme. Invito l’opposizione a pensare prima al bene comune e poi al bene delle due coalizioni e del governo. Speriamo che vengano messe da parte pregiudiziali personali e venga portato avanti il bene comune per avere una maggioranza più ampia e approvare i provvedimenti con i quali noi intendiamo adempiere agli impegni assunti con l’Ue”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>