Giustizia. Il Presidente del Consiglio attacca i giudici milanesi

di Mariella Commenta

 Silvio Berlusconi: “Le norme sul processo breve non sono incostituzionali, anzi è l’ Europa che ci chiede di intervenire. Le critiche dell’ opposizione sul processo breve sono vere e proprie calunnie. Sono tutti intellettualmente disonesti: non sono problemi di Berlusconi, ma aggressioni al presidente del Consiglio. Questa è una cosa sicura e certa”. Sulle ipotesi di incostituzionalità delle norme, Berlusconi risponde: “Non lo so e non credo. È l’ Europa che ce lo chiede. E c’ è la Costituzione che ci dice che i processi debbono avere tempi certi e ragionevoli. Ma non voglio pronunciarmi su questo”.

Ai giornalisti che gli domandano se prenderà parte ai processi a suo carico Berlusconi risponde: «I miei avvocati insistono nel dire che mi troverei di fronte a dei plotoni di esecuzione. Non so se andrò, stiamo discutendo».

E in quanto al processo breve, è scontro con le toghe. Il Comitato Intermagistrature – che riunisce la magistratura ordinaria, amministrativa e contabile e l’ Avvocatura dello Stato – ha criticato il Ddl approvato e ribadisce fortissime preoccupazioni già espresse nelle più varie sedi istituzionali per i prevedibili effetti del disegno di legge. Un processo breve «che rischia di produrre conseguenze devastanti sull’ intero sistema della giustizia italiana».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>