News. Sicurezza sul lavoro, arriva la patente a punti

di Mariella Commenta

Sicurezza sul lavoroPatente a punti per le imprese edili, rimodulazione delle sanzioni per proporzionarle al rischio di impresa, potenziamento degli organismi paritetici e riscrittura della contestata norma “salva manager”. Sono queste le principali novità introdotte dal decreto correttivo al Testo unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro che ha ricevuto il via libera del Consiglio dei ministri.

La patente a punti inizierà ad operare nel settore edile per mezzo dell’ istituzione di una patente, che serve a verificare l’ idoneità tecnico – professionale delle imprese o dei lavoratori autonomi edili, la quale verrà valutata tenendo conto di vari elementi: l’ effettuazione delle attività di formazione, ad esempio, e l’ assenza di sanzioni da parte degli organi di vigilanza.

Lo strumento opererà – in sede di qualificazione dell’ impresa – mediante l’ attribuzione iniziale ad ogni azienda o lavoratore autonomo edile di un punteggio che ne misuri l’ idoneità. In caso di azzeramento sarà impossibile per l’ impresa o il lavoratore autonomo operare nel settore.

Il correttivo messo a punto dal ministero del Lavoro ribadisce l’ assoluta e inderogabile necessità per ogni impresa di valutare tutti i rischi per la salute e sicurezza dei propri lavoratori, ma semplifica la procedura per dare prova della data del medesimo documento. Inoltre le correzioni del governo prevedono l’ integrazione tra le attività del servizio sanitario nazionale e dell’ Inail finalizzate all’ assistenza ed alla riabilitazione dei lavoratori vittime di infortuni in modo da garantirne il migliore e più rapido recupero dell’ integrità psicofisica e della capacità lavorativa.

Sul fronte delle sanzioni, il decreto ha lo scopo di assicurare una migliore corrispondenza tra infrazioni e sanzioni. Pertanto si favorisce l’ utilizzo di procedure di estinzione dei reati e degli illeciti amministrativi mediante regolarizzazione da parte del soggetto inadempiente.

Così la prescrizione obbligatoria, che permette di mettere in sicurezza gli ambienti di lavoro, viene estesa ai reati puniti con la sola ammenda e un analogo istituto viene introdotto per le violazioni punite con sanzione pecuniaria amministrativa, con la chiara finalità, palesata nella legge delega, di puntare all’ effettività della reazione punitiva, mediante ripristino delle condizioni di legalità.

La sanzione penale viene applicata “ai soli casi di violazione delle disposizioni sostanziali e non di quelle unicamente formali (trasmissione di documentazione, notifiche, ecc.)». Il decreto correttivo interviene, poi, con apposite previsioni normative per evitare l’ effetto di eccessiva penalizzazione nelle ipotesi di concorso di reati omogenei ed anche di concorso di reati tout court, nel rispetto delle previsioni contenute nel Codice penale.

Inoltre viene rivistata l’ entità delle sanzioni in modo da rendere le pene detentive eque rispetto alla gravità delle infrazioni e le ammende e le sanzioni pecuniarie proporzionate, oltre che alle violazioni, all’ aumento dei prezzi al consumo, verificato su base Istat, dal 1994 (anno in cui venne emanato il decreto legislativo n. 626) ad oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>