Estero. L’ economia statunitense si è contratta meno del previsto

di Mariella Commenta

Il Pil Usa è andato oltre le previsioni. Il prodotto interno lordo è sceso dell’ 1% tendenziale, come ha comunicato il dipartimento del Commercio, Gli analisti avevano parlato di un -1,5%. Comunque è il quarto trimestre consecutivo con il segno meno e la sesta flessione del prodotto interno lordo trimestrale in un anno e mezzo, facendo di quello attuale il peggiore andamento dell’ economia da quando è iniziata la rilevazione del Pil, nel 1947.

Da considerare anche che il dato del primo trimestre è stato rivisto al ribasso dal -5,5% delle precedenti stime a -6,4%. Nel trimestre le spese delle famiglie sono scese dell’ 1,2%.

Nel secondo trimestre i consumi sono quindi calati dopo il +0,6% del primo trimestre. Nel dettaglio le spese per beni durevoli sono scese del 7,1% (contro +3,9%), mentre quelle per beni non durevoli sono diminuite del 2,5% (contro +1,9%). In aumento dello 0,1%, invece, le spese per servizi (-0,3%).

Quanto all’ inflazione, il deflatore pce (indice dei prezzi legati alle spese per consumi) è cresciuto dell’ 1,3% tendenziale dopo il -1,5% del primo trimestre. Il dato ‘core’ mostra un aumento del 2% dopo il +1,1% dei primi tre mesi dell’ anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>