All’ assemblea dei Prefetti a Roma Napolitano dichiara: “Da anni non sono più un uomo di parte”

di isayblog4 Commenta

Così ha esordito Giorgio Napolitano, nell’ intervento all’ assemblea dei Prefetti a Roma. “Consentitemi questo accenno personale: nell’ assumere l’ incarico di ministro dell’ Interno tredici anni fa ero determinato a svolgerlo come uomo ormai delle istituzioni e non di una parte politica. In quella veste ebbi ben presto chiaro che occorreva sgomberare il terreno dalla anacronistica suggestione dell’ abolizione dei prefetti per impegnarsi invece a ridisegnarne le funzioni a sostegno della trasformazione dello Stato, ormai avviata in senso federalista, e comunque con la ferma intenzione di restare uno Stato nazionale unitario”.

Per realizzare il federalismo in Italia occorrono alcune “incisive modifiche costituzionali, specie per dare coerenza, anche sul piano della fisionomia e del funzionamento del Palamento nazionale, alla svolta che è stata avviata in senso autonomistico e federalista”, ha detto Napolitano. Un implicito riferimento al tema della così detta Camera delle Regioni. Il presidente della Repubblica ha ricordato che l’ Italia unita nacque come stato centralizzato, ed il fascismo realizzò la massima centralizzazione autoritaria dello Stato. La Costituzione del 1948 invece aprì ad un riconoscimento nuovo delle autonomie locali e regionali e a un cammino lento e contraddittorio che avrebbe conosciuto una decisa accelerazione ed un balzo in avanti a partire dai primi anni ’90 quando prese a svilupparsi un movimento politico e di opinione federalista.

In quegli anni, ha aggiunto il capo dello Stato, in Parlamento fu approvata “una riforma significativa come l’ elezione diretta del sindaco, una riforma non solo elettorale ma istituzionale che segnò l’ affrancamento dell’ ente locale dalla tutela dello stato centrale fino ad allora affidata al controllo prefettizio”. Così, ha concluso, si aprì la strada a riforme elettorali analoghe per Province e Regioni e soprattutto per la riforma del Titolo V della Costituzione e a un peso crescente della Conferenza Stato – Regioni».

Riguardo ai contrasti politici, il Capo dello Stato lancia un nuovo appello al confronto sereno: “Auspico un clima costruttivo di dibattito e di ricerca sui temi della politica e dell’ amministrazione degli affari interni”. Fra i temi da affrontare con questo approccio e caratterizzati “dalla delicatezza di aspetti spesso controversi dell’ azione da condurre” Napolitano ha elencato il contrasto all’ immigrazione clandestina, la lotta contro la criminalità diffusa ed organizzata e anche le cosidette ronde che ha richiamato con l’ espressione: azioni per coinvolgere nei modi giusti, entro limiti chiari, i cittadini nell’ impegno per la sicurezza comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>