Milano. Polemica in corso fra il quotidiano della Cei e il Giornale

di isayblog4 Commenta

“Il direttore dell’ Avvenire – scrive Feltri nell’ editoriale di prima pagina sul Giornale – non ha le carte in regola per lanciare anatemi furibondi contro altri peccatori, veri o presunti, e neanche per tirare le orecchie a Berlusconi. Il problema è che in campo sessuale ciascuno ha le sue debolezze ed è bene evitare di indagare su quelle del prossimo. Altrimenti succede di scoprire che il capo dei moralisti scatenati nel vituperare il capo del governo riveli di essere come quel bue che dava del cornuto all’ asino”.

Scrive Feltri
“Ma quanto nel presente periodo si sono visti in azione tanti moralisti, molti dei quali, per non dire quasi tutti, sono sprovvisti di titoli idonei. Ed è venuto il momento di smascherarli. Dispiace, ma bisogna farlo affinché i cittadini sappiano da quale pulpito vengono certe prediche”.

La replica di Boffo
“La lettura dei giornali di questa mattina – scrive il direttore di Avvenire è in una nota – mi ha riservato una sorpresa totale, non tanto rispetto al menù del giorno, quanto riguardo alla mia vita personale. Evidentemente il Giornale di Vittorio Feltri sa anche quello che io non so, e per avvallarlo non si fa scrupoli di montare una vicenda inverosimile, capziosa, assurda. Diciamo le cose con il loro nome: è un killeraggio giornalistico allo stato puro, sul quale è inutile scomodare parole che abbiano a che fare anche solo lontanamente con la deontologia. Siamo, pesa dirlo, alla barbarie”.

Feltri
Quale killeraggio? È documento pubblico!”. Il direttore del Giornale si difende e attacca. Nessun killeraggio ma solo la trascrizione di un documento del casellario giudiziario, cioè pubblico: prosegue Vittorio Feltri. “Abbiamo semplicemente ricordato – dice Feltri – che Boffo ha dovuto rispondere in tribunale di una vicenda, che si è conclusa con patteggiamento e ammenda, e che risulta in modo chiaro dal casellario giudiziario di Terni. Ebbene, questa vicenda attiene alla sfera dei comportamenti sessuali”.

Sottolinea Feltri
“Io sono indipendente. Il presidente del Consiglio non poteva dire una cosa diversa su questo argomento e il fatto che si sia dissociato dimostra solo che Il Giornale e il suo direttore sono indipendenti da lui, il contrario di quello che dicono tutti”. Così Feltri commenta le parole di Berlusconi. “Non mi sento né rafforzato né indebolito da questa critica – dice ancora Feltri -. Io rispondo semplicemente al mandato che mi è stato dato al momento in cui ho assunto la direzione di questo quotidiano, che è quella di rilanciarlo e lo faccio con i mezzi che ho a disposizione”.

Conclude Feltri
“Nel momento in cui mi hanno chiamato a dirigerlo penso che mi conoscessero e io certo non chiedo il permesso all’ editore prima di fare qualcosa”. Ma in queste ore ha sentito il suo editore? “No, non ho sentito Paolo Berlusconi e non ho avuto quindi nessun confronto con lui”. Quanto alle sue rivelazioni sulla vita privata del direttore di Avvenire, io ho un documento e lo pubblico e lo commento e basta. In Italia si butta via tutto, io pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>