Terremoto in Abruzzo. Ance: “Costruiremo la nuova Casa dello Studente de L’ Aquila”

di isayblog4 Commenta

In relazione al terribile evento sismico che ha colpito l’ Abruzzo ed in particolare l’ Aquila, le Imprese dell’ Ance e dell’ Agi nell’ esprimere piena solidarietà alle popolazioni locali mettono nel contempo a disposizione della Protezione Civile le loro risorse tecniche e organizzative per il pronto superamento dell’ attuale fase di emergenza. L’ Associazione nazionale costruttori edili mette a disposizione le proprie strutture, le proprie professionalità e, grazie alla collaborazione di tutta la filiera delle costruzioni, i materiali tecnicamente avanzati per avviare da subito la ricostruzione della Casa dello studente drammaticamente abbattuta dal terremoto che ha colpito la Regione Abruzzo.

L’ Ance, insieme a tutte le sigle del settore che vorranno partecipare all’ iniziativa, si fa promotrice di una sottoscrizione finalizzata al reperimento di fondi necessari per ricostruire in tempi rapidi e secondo tecniche moderne ed efficienti un nuovo edificio che dovrà ospitare gli studenti del capoluogo abruzzese.

“Quello che ora appare a tutti come il simbolo della tragedia e del disastro che ha fatto molte vittime tra i giovani vogliamo che diventi un monumento di efficienza e modernità al servizio del diritto allo studio, o forse è meglio dire del diritto al futuro”, commenta il Presidente dell’ Ance Paolo Buzzetti.

Ma le iniziative decise dall’ Ance, che in queste ore sta seguendo da vicino i tragici eventi grazie anche alla diretta partecipazione delle sedi locali, anch’ esse gravemente colpite dal sisma, vanno anche oltre. L’ Associazione dei costruttori mette a disposizione delle autorità locali e nazionali personale qualificato per eseguire i necessari accertamenti e i sopralluoghi tecnici indispensabili per valutare l’ entità degli interventi da intraprendere e per garantire in tempi rapidi la messa in sicurezza di tutti gli edifici.

Infine l’ Ance ha intenzione di dare vita, avvalendosi del contributo scientifico dell’ Università, a una Commissione tecnica con l’ indispensabile compito di individuare correttamente e su basi scientifiche le cause della crollo degli edifici, con particolare attenzione a quelli realizzati dal Dopoguerra in poi. Vogliamo contribuire a garantire la messa in sicurezza delle nostre città e dei nostri territori, dice Buzzetti.

Interventi questi che vanno di pari passo con l’ iniziativa della Cnce, Commissione paritetica per le Casse edili, di istituzione di un Fondo a favore delle popolazioni colpite dal sisma che sarà utilizzato secondo le indicazioni degli enti paritetici locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>