Luca Zaia. Dialetto, strumento fondamentale di coesione sociale

di Mariella Commenta

 Oltre che veicolo di comunicazione e di espressione, le lingue materne sono fondamentale strumento di integrazione, e questa indagine lo dimostra. Il veneto è una lingua viva, che viene parlata in famiglia, tra gli amici e nei luoghi pubblici. Per questo diventa un fattore fondamentale di coesione sociale oltre che culturale.

I risultati di un’ indagine dell’ Istituto di ricerca Quaeris mostrano che un immigrato su tre chiede che accanto all’ italiano venga insegnato anche il dialetto veneto, per meglio integrarsi sul luogo di lavoro, a scuola e tra i propri coetanei. Per il 33 per cento degli studenti stranieri, l’ insegnamento del dialetto dovrebbe essere obbligatorio nelle scuole.

Tale è il ruolo che il veneto, e gli altri dialetti, hanno nella vita di tutti i giorni che gli stessi stranieri chiedono che venga insegnato nelle scuole. Il dialetto accorcia le distanze e favorisce le relazioni sociali. In base alla ricerca, ad esempio, gli anziani e i disabili si sentono più sicuri se chi li assiste parla il dialetto. Questi dati sono quindi la conferma che siamo nel giusto quando affermiamo che le lingue materne sono una componente imprescindibile della comunità e della sua identità.

www.lucazaia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>