Renato Brunetta rilancia proposta di offrire ai giovani un sostegno di 500 euro

di Mariella 1

 Il ministro della Pubblica Amministrazione ha spiegato che non si tratta di un salario, ma di soldi da erogare sotto forma di borse di studio, aiuti per la casa, come succede in Europa. Che ci sia una relazione tra il fatto che diamo troppo ai padri e troppo poco ai figli lo si dice da sempre. Si parla di patto generazionale, poi quando un signore, cioè io, che queste cose le conosco, dice di spendere meno per il cattivo welfare dei padri per dare di più ai figli, me ne dicono di tutti i colori. Per carità, non togliamo le pensioni agli anziani per darle ai ragazzi che magari le usano male. Non è questo il punto, ma vogliamo fare una riflessione su noi stessi? Sull’ organizzazione del welfare?”

Commenti (1)

  1. SONO D’ACCORDO CON BRUNETTA SE COMINCIA A TAGLIARE LE VERGOGNOSE MEGAPENSIONI E ASSEGNI VARI A TUTTO L’APPARATO POLITICO, LUI PER PRIMO. IO FRA 4 ANNI ANDRO’ IN PENSIONE DOPO 40 ANNI DI LAVORO. LA MIA PENSIONE ARRIVERA’ A CIRCA 1100 EURO, COSA TOGLIEREBBE IL SIG. BRUNETTA A UNA PENSIONE DEL GENERE?????? CHE FANTASIA!!!! E CHE STRONZATE!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>