Riforme: scontro sulle nuove regole. Franceschini sfida il premier

di Mariella Commenta

 Il voto delegato ai capigruppo e l’ inaugurazione del voto con impronte alla Camera scatenano un vivace dibattito su modi, tempi e valore costituzionale dell’ espressione della volontà del parlamentare. Dario Franceschini ribadisce le critiche alla proposta lanciata ieri dal presidente del Consiglio. “È un pezzo dell’ idea che Berlusconi ha del Parlamento: un ingombro alla sua luminosa azione di governo. Parlamento, regole della democrazia e in qualche caso, purtroppo, anche il ruolo di garanzia del Capo dello Stato. Lui semplificherebbe tutto. Il prossimo passaggio potrebbe essere, invece di 4 capigruppo che votano per 600 deputati, avere un tasto nel suo ufficio così che lo spinga lui e faccia lui per tutti…”. Fin qui il dibattito politico.

Ma la mattinata diventa ancor più animata in coincidenza con la prima vera giornata di votazioni con le impronte alla Camera. Piccoli inconvenienti tecnici rallentano il decollo della novità, oltre alla difficoltà che alcuni parlamentari incontrano nell’ applicazione delle nuove procedure. Così si apre un vero diverbio a botta e risposta. Fabrizio Cicchitto, capogruppo Pdl, lamenta che “queste votazioni non hanno una loro organica e completa regolarità” visti i disguidi tecnici.

Fini: la Carta non prevede il voto per la delega
“Fin quando la Costituzione è quella vigente nessuno è delegato a votare per i parlamentari”, ha ricordato Fini motivando l’ innovazione del voto con le impronte digitali con la necessità di non far votare i pianisti. Fini ha spiegato che la decisione di introdurre il voto con impronte digitali “è stata una decisione assunta all’ unanimità dall’ ufficio di presidenza, e si è resa necessaria dal malcostume relativo alla consuetudine di votare per gli assenti da parte di alcuni parlamentari. Ma fin quando la costituzione è quella vigente nessuno è delegato a votare per i parlamentari”. “Non può dunque esserci nessun ritorno al passato, fermo restando che se si verificano problemi tecnici è dovere della presidenza garantire che per tutti sia reso possibile l’ esercizio del voto, contesta Cicchitto. Si tratta non di deputati che hanno votato e non vedono la registrazione, ma di deputati presenti che non riescono ad esprimere il loro voto. Ci sarà una fase di rodaggio e quindi un iniziale aumento dei tempi di lavoro”.

Lo stop di An: proposta impraticabile
Ad infiammare il dibattito politico, oltre alla vicenda Rai, è soprattutto la proposta di nuovi regolamenti parlamentari avanzata da Berlusconi. “Proposta non praticabile”, dice il ministro della Difesa Ignazio La Russa in un’ intervista al Corriere della Sera. “Direi, senza fare polemiche, che è un discorso da convegno non da dibattito parlamentare. Pur non essendo un principio irragionevole non appartiene alla cultura politica italiana e dunque non è materia su cui spendersi, soprattutto in questo momento, anche perché servirebbe una riforma costituzionale con il consenso dei due terzi del Parlamento”.

Di Pietro: Silvio come Saddam
Dal Pd piovono critiche al premier. La “sparata”, come la definiscono in molti, è un modo per distogliere ancora una volta l’ attenzione dei media dalla crisi economica e nascondere il vuoto di iniziative per arginare le difficoltà del Paese”, hanno affermato Antonello Soro e Anna Finocchiaro. Parole di apprezzamento sono invece espresse al presidente della Camera Fini per il suo stop al capo della Pdl. “La proposta era già stata avanzata ed era caduta nel vuoto. Accadrà anche stavolta…”, aveva detto l’altro ieri la terza carica dello Stato. Alcuni paragonano addirittura il governo Berlusconi a regimi autoritari o a dittatori, come fa l’ Udc Luca Volontè che lo mette in parallelo a Chavez, o Antonio Di Pietro, che lo paragona a Saddam Hussein.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>