Berlusconi: i cittadini devono scegliere i candidati

di isayblog4 Commenta

Spread the love

Il presidente del Consiglio, parlando del governo, si dice sicuro della sua stabilità.
E precisa: ”Sono riuscito a durare cinque anni la prima volta e penso anche questa volta. Semplicemente grazie alla mia personale autorevolezza e anche con il vostro aiuto”. Poi ha rivolto un complimento esplicito a Giorgio Napolitano: ”Quando c’è un Capo dello Stato intelligente e puntuale, come quello che abbiamo oggi, firma la legge che arriva dal Parlamento”.

Poi parla della riforma della giustizia: ”La prima cosa da fare è non consentire che nella giustizia ci siano dei partiti politici ed in particolare rivedere la formazione del Csm per ottenere che i giudici facciano i giudici e non utilizzino la giustizia come arma politica”.
Infine Berlusconi parla del porcellum: ”I cittadini, firmando in un milione e 700 mila il referendum per reintrodurre le preferenze, ci hanno dato un’indicazione chiara: dobbiamo introdurre una variante che consenta ai cittadini di scegliere il candidato. L’altro aspetto da cambiare è il premio di maggioranza regionale al Senato. Calderoli ha dato un giudizio negativo sul ‘Porcellum’ perché la legge fu cambiata da Ciampi che pretese, in base a una interpretazione personale della Costituzione, di frazionare a livello regionale il premio di maggioranza nel Senato, facendo cadere così le ragioni di un premio di maggioranza che viene dato per garantire la governabilità: oggi la legge garantisce governabilità alla Camera ma non al Senato”.
E poi celiando su tutti gli avvenimenti che hanno caratterizzato il suo governo, prosegue: ”In questi 18 anni non mi hanno fatto mancare nulla. Aggressioni politiche, giudiziarie di cui sono il recordman e anche fisiche perché se quella statuetta del Duomo invece che sulla guancia l’avessi presa in un’altra parte del viso sarei sotto terra”.
”Del resto – ricorda Berlusconi – quando si decise ad entrare in politica coloro che mi volevano bene mi dissero: ‘Te ne faranno di tutti i colori, ti verranno addosso con la loro stampa e i loro giudici’, ed è stato anche peggio di quanto preventivato”.
Berlusconi conclude: “Nell’ultimo periodo hanno trasformato quelle che sono state cene eleganti e divertenti a casa mia in cose indicibili. Io ho giurato che in casa mia non c’è stato mai nulla di quello che hanno raccontato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>