Il caso Bertolaso: una bufera

di Mariella Commenta

Il capo della Protezione Civile: “Ferito, ma per gli italiani darei la vita”. Guido Bertolaso, nonostante la rinnovata fiducia di Silvio Berlusconi, è deluso e amareggiato. L’ accorata difesa di Bertolaso: “L’ accusa è infamante e assolutamente drammatica. Da quello che ho letto e dalle carte che ho ricevuto dalla magistratura si parla di compensi in denaro e anche di favori sessuali, cose assolutamente che non esistono. Io non c’ entro con questa vicenda, credo che si sia trattato di un grosso equivoco. Nessun favore sessuale, solo fisioterapia. Francesca è una signora molto brava, alla quale io ricorrevo alla luce dello stress che, visto il lavoro che faccio, ogni tanto mi colpisce”.

Il capo della Protezione civile si dice pronto a chiarire quando avrà la possibilità di confrontarsi con i magistrati. “La mia grande preoccupazione è quella di dimostrare che non ho tradito la fiducia degli italiani. È l’ unica cosa che davvero mi preme, oltre ovviamente ad essere creduto dalla mia famiglia per quelli che sono stati i miei comportamenti personali”.

Guido Bertolaso: un uomo ferito, quello che si sfoga in tv, ma che non rinuncia alla riforma che rivoluzionerebbe la Protezione civile e spiega: “La Protezione civile servizi Spa è una struttura di servizio che servirà proprio a garantire quella trasparenza ed efficacia degli interventi che noi vogliamo garantire a tutti gli italiani e se c’ è una coincidenza tra inchiesta e accelerazione del governo è una coincidenza fortuita. Sarebbe stata una coincidenza, e anche spiacevole – osserva Bertolaso – se questa vicenda fosse uscita il giorno prima quando, martedì scorso, il Senato ha approvato il decreto legge. Allora ci sarebbe stato da sospettare. E invece è uscito il giorno dopo e dunque credo che sia stata una coincidenza fortuita“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>