Estero. Oslo: Obama ha ritirato ieri il Nobel per la Pace

di Mariella Commenta

 Il presidente americano Barack Obama, nell’ accettare il premio Nobel per la Pace, ha ribadito spesso il concetto di una pace giusta che talvolta deve essere difesa anche con le armi, perché “gli strumenti della guerra hanno un ruolo nel preservare la pace”, a condizione però che i conflitti rispettino certe regole di condotta. “Gli Stati Uniti, ad esempio, non hanno mai combattuto contro una democrazia2, ha detto.

Obama ha parlato della guerra che come capo di stato è costretto a combattere, perché ha giurato di proteggere e difendere la nazione. “Dire che la forza è a volta necessaria non è cinismo ma è il riconoscimento della storia, delle imperfezioni dell’ uomo e dei limiti della ragione”. Però ha sottolineato che una guerra sarà sempre una tragedia, per quanto possa essere necessaria.

Barack Obama ha anche reso omaggio a chi in tutto il mondo si batte per la libertà e, riferendosi in particolare ai manifestanti democratici in Iran, ha assicurato che gli Stati Uniti saranno sempre dalla loro parte. E ha aggiunto che è “responsabilità di tutti le nazioni e dei popoli liberi rendere chiaro a questi movimenti che la speranza e la storia sono dalla loro parte. Rendiamo testimonianza alla tranquilla dignità di riformisti come Aung Sang Suu Kyi, al coraggio dei cittadini dello Zimbabwe che sono andati a votare sfidando i pestaggi; e alle centinaia di migliaia di iraniani che sono sfilati silenziosamente per le strade di Teheran”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>