Giovanni Paolo II nel novero dei beati della Chiesa cattolica

di isayblog4 Commenta

La festa del nuovo beato, che sale all’onore degli altari a soli sei anni dalla morte, sarà celebrata il 22 ottobre di ogni anno nella Chiesa di Roma e in quella polacca, finché la canonizzazione non prescriverà il ”culto universale”.

E anche oggi, come durante i funerali dell’8 aprile 2005, il grido del ”Santo subito”, insieme a un interminabile applauso e allo sventolio delle bandiere reso ancora più intenso dalle lacrime di tanti fedeli, è risuonato subito dopo la formula di beatificazione pronunciata da papa Ratzinger.

Appena il Papa ha proclamato beato il suo predecessore, è stato scoperto l’arazzo con l’effige di Wojtyla, che campeggia sulla loggia delle Benedizioni della basilica di San Pietro, ricavato da una immagine fotografica di GP II, come lo chiamavano i giovani di tutto il mondo, i Papa-Boys. Suor Marie Simon-Pierre, miracolata da Giovanni Paolo II, ha ascoltato in preghiera la formula pronunciata da Benedetto XVI e quando il Papa ha proclamato beato Karol Wojtyla, ha sciolto la tensione con un sorriso e ha applaudito insieme alla folla.

Non soltanto in San Pietro ma in tutte le piazze e strade di Roma affollate dai pellegrini il momento della beatificazione del Pontefice-montanaro, l'”atleta di Dio”, è stato salutato da un caloroso applauso. Commozione e gioia tra la gente, un milione di fedeli che ha invaso fin dalle prime ore di oggi la grande piazza e tutte le vie limitrofe, al punto che tantissimi hanno dovuto ripiegare ed assistere dai maxischermi dislocati per l’occasione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>