Immigrazione. Stop dell’ Onu ai respingimenti

di Mariella Commenta

 Ieri a Bruxelles, Antonio Guterres, l’ Alto commissario per i rifugiati delle Nazioni unite, ha ribadito, le sue forti riserve nei riguardi dei respingimenti di clandestini effettuati dalle motovedette italiane nel Mediterraneo, considerando fortemente carenti, in Libia, le condizioni di protezione adeguate ai richiedenti asilo.

Guterres, durante una conferenza stampa a Bruxelles, a margine del Consiglio dei ministri Ue degli Affari interni, ha dichiarato: “La nostra posizione è molto chiara: noi non pensiamo che in Libia ci siano condizioni che permettano la protezione dei richiedenti asilo: la situazione attuale non lo consente”.

In Libia, ha proseguito l’ Alto commissario Onu, “ci sono condizioni di detenzione spaventose, e c’ è il rischio effettivo che persone che meriterebbero la protezione internazionale siano rimandate nei paesi d’ origine. Per questo abbiamo espresso le nostre forti riserve verso l’ Italia, sul respingimento delle persone verso la Libia in queste circostanze”.

L’ Alto commissariato sui rifugiati “lavora in Libia senza riconoscimento formale, e riesce anche, in certi casi, a far ottenere lo status di rifugiati, in circostanze estremamente difficili”, ha proseguito Guterres rispondendo ad altre domande. “Ed è esattamente perché ci lavoriamo, che diciamo che la Libia non è in condizioni di offrire una protezione adeguata ai rifugiati e richiedenti asilo nella situazione attuale”.

Il commissario Ue alla Giustizia, libertà e sicurezza Jacques Barrot ha aggiunto che è sua intenzione recarsi presto in Libia, e ha detto: “Conto sull’ aiuto dell’ Alto commissario per far capire ai libici che la situazione attuale è inaccettabile e che non può perdurare”.

Anche Human Rigths Watch ha diffuso un rapporto molto critico nei confronti della politica italiana dei respingimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>