Berlusconi sul caso Del Turco: Serve una riforma radicale del sistema giudiziario

di Mariella Commenta

“Ho sentito dell’arresto di Del Turco: mi sembra una cosa molto strana… La decapitazione completa, quasi una retata, di un intero governo di una Regione. E conoscendo l’attuale situazione dell’accusa in Italia, ho sentito anche il teorema accusatorio”.

Lo ha affermato il presidente del Cosiglio Silvio Berlusconi, che da Parigi ha commentato gli arresti dei membri della giunta regionale abruzzese. A chi gli ha fatto osservare che tavolta e’ il centrosinistra a finire nell’occhio del ciclone giudiziario, il nostro presidente ha risposto:
“Tutto cio’ non ha per me alcuna importanza. Colpiscono questo o quell’altro, ma molto spesso i teoremi accusatori sono quelli che poi alla fine non vengono confermati. Vi ricordate i miei presunti reati ambientali in Sardegna? Mi e’ appena arrivata una telefonata dell’avvocato che mi ha detto che sono stato assolto perche’ il fatto non sussiste. E poi, in Spagna e’ successa la stessa cosa: la loro Corte suprema, nel caso di Telecinco, ha assolto tutti i miei uomini perche’ il fatto non sussiste. C’e’ la necessita’ di una riforma ’ab imis’ del sistema giudiziario italiano”. Alla domanda se pensava alla separazione delle carriere, Berlusconi ha replicato: “Credo che si debba fare di piu’, molto di piu”’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>