Le Leghe “patacca” perdono il primo round

di Mariella Commenta

 Tra i tanti simboli elettorali “ricusati” dal Viminale ci sono anche quelli delle cosiddette Leghe “patacca”, ossia di quei movimenti che con il proprio logo cercano di scimmiottare il movimento di Umberto Bossi. In diverse occasioni, la loro presenza sulla scheda elettorale ha tratto in errore molti cittadini, che forviati da un simbolo simile, hanno erroneamente messo la croce su questi simboli, pur volendo dare la propria prefernza al Carroccio. Ieri l’ufficio elettorale del ministero dell’Interno, non ha accettato sia la la “Lega per l’Autonomia – Alleanza lombarda”, sia la “Lega Padana Lombardia”. Entrambe, così come le altre formazioni “stoppate”, hanno 48 ore di tempo per modificare i propri simboli, pena il divieto di presentarsi alle consultazioni del 13 e 14 aprile. Stessa sorte è stata riservata a diverse altre formazioni. Comprese “La Destra” di Storace e l'”Unione democratica dei Consumatori” di Bordon e Manzione. Partita definitivamente chiusa invece per altre sigle come il “Movimento per la Rinascita della Montagna”, il “Partito Demucratec Padan Lista Beppe Grillo”,il “Sipu Pensionati Uniti” e il “Partito Pensionati”,i cui simboli sono stati definitivamente esclusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>