Ogm. Sentenza Consiglio di Stato autorizza coltivazione mais

di Mariella Commenta

 Legambiente: “A chi giova la devastazione del patrimonio agroalimentare italiano? Non si capisce, francamente, il motivo per cui si debbano introdurre coltivazioni Ogm in Italia a prescindere dalle Regioni e dall’ assunzione di regole certe a tutela del prezioso e ineguagliabile patrimonio agroalimentare di qualità che ci distingue nel mondo”. Questa l’ opinione espressa da Vittorio Cogliati Dezza, il presidente nazionale di Legambiente sulla sentenza del Consiglio di Stato sull’ introduzione delle coltivazioni biotech in Italia.

“Senza voler ribadire i dubbi espressi da gran parte della comunità scientifica sulle possibili conseguenze sulla salute degli alimenti geneticamente modificati e, in particolare, sull’ unico tipo di mais autorizzato per la coltivazione in Europa, già noto per danni rilevati sulle cavie, l’ assenza dei piani di coesistenza dovrebbe impedire qualsiasi passo in tal senso al fine di tutelare le coltivazioni biologiche, le produzioni tipiche di qualità e l’ insieme della biodiversità – ha continuato Cogliati Dezza -. Speriamo quindi che il Governo, insieme al ministro dell’ Agricoltura Luca Zaia, voglia sostenere l’ emendamento al Decreto Milleproroghe, proposto dal Sen. Francesco Ferrante, al fine di salvaguardare la peculiarità italiana e difendendola dalle lunghe mani delle multinazionali del Biotech”.

L’ Ufficio Stampa (06.86268376 – 99)
Milena Dominici
Capo ufficio stampa
Legambiente Onlus
Via Salaria 403
00199 Roma
tel. 06.86268376
cell. 349.0597187
www.legambiente.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>