Gabriele Simonacci: probabile accusa di omicidio colposo per il tassista coinvolto nell’incidente

di Gianni Puglisi Commenta

Stando alle ultime indiscrezioni riguardanti l’incidente avvenuto alle prime luci dell’alba del 5 febbraio a Roma, in cui ha perso la vita il 28enne barman romano, Gabriele Simonacci, padre da soli due giorni della piccola Sofia, l’accusa per il tassista coinvolto, di cui al momento non sono state rese note le generalità, dovrebbe passare da omicidio stradale ad omicidio colposo riducendo in questo caso le responsabilità penali dell’indagato.

La difesa di Gabriele spetta ora al Direttore dello studio Professional & Partners Group,  Raffale Gerbi specializzato in risarcimento danni da incidenti stradali.

Titolare insieme ad altri due soci del locale l’Argot, dopo aver concluso la serata lavorativa Gabriele era passato a trovare i suoi ex colleghi dello Shari Vari, con i quali aveva condiviso quattro anni della sua vita, per festeggiare la nascita della sua prima figlia Sofia.

Salito in sella al suo scooter, alle 5:20 all’altezza di Piazza della Chiesa Nuova ha incontrato la morte.

Il taxi bianco, che probabilmente stava uscendo dal parcheggio, si è scontrato violentemente con Gabriele Simonacci finito sotto le ruote dell’auto. Per il barman romano non c’è stato nulla da fare, nonostante i numerosi tentativi di rianimazione.

Le dinamiche dell’incidente sono ora al vaglio del Gruppo pronto intervento traffico della municipale di Roma.

Nel frattempo i parenti e gli amici più stretti, ancora increduli della morte di Gabriele, si sono raccolti intorno alla neo-mamma Mariateresa. I funerali si sono svolti giovedì pomeriggio alla chiesa San Pio X alla Balduina, che ha accolto gli ultimi saluti di circa un migliaio di persone.

All’Argot è stata organizzata una serata in memoria di Gabriele, per omaggiare la persona che era: appassionato della vita e del suo lavoro che con tanti sacrifici era riuscito a coronare il suo sogno aprendo il suo locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>